On. Guglielmo Picchi

Sottosegretario agli Affari Esteri

Italy Intends to Endorse New Chapter in NATO-Russia Ties – Under-Sec of State

MOSCOW (Sputnik), Ksenia Shakalova – Rome is determined to promote a new chapter in NATO cooperation with Russia, Italian Under-Secretary of State for Foreign Affairs and International Cooperation Guglielmo Picchi told Sputnik.

“NATO is a cornerstone of Italy’s international policy. Nonetheless, our country can and must speak its mind on major strategic decisions … Italy intends to inaugurate a new season of cooperating with Moscow, in the spirit of the [2002] Pratica di Mare Summit,” Picchi, who is also a foreign policy adviser to Italian Deputy Prime Minister and Lega Party leader Matteo Salvini, said.

The official also recalled that Italian Prime Minister Conte had joined US President Donald Trump’s call for Russia to be brought back into the G7.

He added that, though “eastward, Russia has undoubtedly assumed positions that deserved a firm response,” the biggest dangers facing the alliance, in Italy’s point of view, stemmed from the south, specifically the arrival of migrants from across the Mediterranean sea.

The Pratica di Mare Summit was a meeting between NATO and Russia at the level of heads of state and government held in Rome in 2002. It established the NATO–Russia Council (NRC) through the Declaration on NATO-Russia Relations: a New Quality.

On April 1, 2014, NATO suspended all practical and military cooperation with Russia over the Ukraine crisis. However, it decided to keep channels of communication open in the NRC at the ambassadorial level and above.Earlier in June, Italian Defense Minister Elisabetta Trenta said that Italy could play the role of “a bridge” in relations between the East and the West, noting that NATO policies should be more flexible and focus on different regions, in particular, the Mediterranean.

Italy’s Push for Lifting Anti-Russia Sanctions to Leave ECB Dialogue Intact

According to Guglielmo Picchi, Rome believes that its support for lifting EU anti-Russia sanctions will have no negative consequences for relations between debt-hit Italy and the European Central Bank (ECB), and hopes to resume the union’s dialogue with Moscow and the mutual benefits that come with it.

The politician also expressed hope that Rome’s proposal to resume the European Bank for Reconstruction and Development (EBRD) funding for Russia’s small and medium-sized enterprises (SMEs) would gain support and lead to an increase in trade with Moscow.

“Our exports have risen 23.5 percent last year and we hope that they will continue to grow; especially if we soon succeed in having our proposal passed to provide the [EBRD] and the European Investment Bank [EIB] financing to Russian SMEs which would entail bank guarantee schemes and trade facilities that, if reactivated, could favour an increase in trade to the full advantage of Italian SMEs, which have never turned their back on the Russian market,” he said.

In addition, Picchi pointed to opportunities for counterterrorism cooperation should ties with Moscow be restored.

“Moreover, in this phase in which Moscow is very active on the Mediterranean scene, there are great possibilities of cooperating in fighting Islamic radicalism,” he added.

The new Italian government, a coalition comprising the anti-establishment Five Star Movement (M5S) and the Eurosceptic Lega party, has consistently called for the lifting of anti-Russia sanctions and Moscow’s reinstatement as a strategic mediator of the Syrian, Libyan and Yemeni crises.In their government coalition agreement, the two parties also said that they considered asking the ECB to forgive 250 billion euros ($295 billion) of debt in bonds bought by the ECB under quantitative easing program. This would help improve Italy’s debt to GDP ratio, as the country’s public debt exceeded a historic-high 2.3 trillion euros ($2.68 trillion) in April.

Italy Against EU-US Tariff War Over Threat to Trade Relations

“We are against waging trade wars with a key ally like the United States and we are certain that Washington has the same opinion with respect to the EU. It is understandable that [US] President [Donald] Trump wants to protect American industry and workers but we must find the right formulas to avoid undermining our trade relations,” Picchi said.

On Wednesday, the European Commission adopted the regulation on rebalancing measures in response to the United States’ steep metal tariffs, targeting a list of products worth 2.8 billion euros ($3.2 billion).

 

On June 1, the United States imposed 25-percent tariffs on steel imports and 10-percent tariffs on aluminum imports from the European Union, Canada and Mexico, which were initially exempt from the extra duties.

Brussels has expressed its opposition to the US tariffs, with European Commission President Jean Claude Juncker calling the move pure protectionism and saying that the bloc would retaliate with its own duties on US goods. The European Union also filed a complaint with the World Trade Organization (WTO) over the US trade policies.

Italy Remains Interested in Trans Adriatic Gas Pipeline

Rome remains interested in building the Trans Adriatic Pipeline (TAP), which will bring Azerbaijani natural gas to western Europe and connect with Italian gas pipelines, Italian Under-Secretary of State stressed.

“The TAP is an important strategic infrastructure for Italy and Europe: it is our intention to put it in place, obviously in consideration of every possible fallout it could have on the environment,” Picchi said, asked to comment on the issue.

In early June, new Italian Environment Minister Sergio Costa said that Rome’s involvement in the TAP would be reviewed, calling the pipeline, along with some other major projects “pointless,” amid the falling gas demand.

The TAP is one of the sections of the Southern Gas Corridor, along with the South Caucasus Pipeline (SCP) and Trans-Anatolian Pipeline (TANAP). It is expected to bring 10 billion cubic meters of gas from the Azerbaijan’s Shah Deniz Stage 2 gas field to Europe per year. The pipeline will be 878 kilometers (545 miles) long. Last week, TANAP was launched in Turkey.

The TAP will connect with TANAP at the Greek-Turkish border, from where it will run through northern Greece, Albania, and the Adriatic Sea to southern Italy, where it will connect with Italian gas pipelines.

Rome, Paris Can Push New EU Migration Policy Through Libya Stabilization

Italy and France can jointly promote a new EU-wide approach to immigration, including through stabilization of Libya to make it a safe country for migrants, by placing more emphasis on the protection of external borders and moving asylum application processing outside the union, according to Picchi.

He clarified further that the new approach should no longer be based on the reasoning that a country of first entry must bear the full brunt of the migration burden nor on the logic of relocation that displeases many EU countries. Instead, this policy should shift the focus on controlling the external borders and decentralizing the reception and asylum application vetting process in the proximity of, but not inside, the European borders.

On June 15, Italian Prime Minister Giuseppe Conte and French President Emmanuel Macron held talks in Paris. The meeting followed an exchange of critical rhetoric between the two countries, after Rome denied entry to a vessel carrying some 600 migrants rescued off Libyan coast. The leaders managed to iron out their disagreements, with Macron recognizing the “burden” of Italy, one of the main entry points for migrants fleeing to Europe. They agreed to come up with proposals to revise the Dublin Regulation, which allows for migrants to be sent back to the country where they first entered the continent.The new Italian government, a coalition comprising the anti-establishment Five Star Movement (M5S) and the Eurosceptic Lega party, pledges to pursue a hard-line policy on illegal immigration. In particular, it previously expressed the intention to reinforce existing bilateral agreements on the relocation of undocumented migrants, and proposed setting up centers to accommodate migrants in countries of their origin and transit.

La difesa dell’interesse italiano: per un nuovo “concetto strategico” Nato

Articolo di Guglielmo Picchi pubblicato su “Analisi Difesa

 

Sono passati ormai oltre sette anni dal vertice di Lisbona di 2010 con cui i capi di Stato e di governo dell’Alleanza Atlantica approvarono l’allora nuovo Concetto Strategico. Per la settima volta nella sua storia, l’alleanza militare che presiede alla sicurezza dell’Occidente rivedeva le sue linee programmatiche indicando tre missioni fondamentali:

  • la «difesa collettiva», che riaffermava il principio sancito nell’articolo 5 del Trattato sul mutuo soccorso in caso di attacco a un Paese membro;
  •  la «gestione delle crisi», che sottolineava l’importanza della prevenzione dei conflitti ma anche della presenza sui territori negli scenari post-conflict; la «sicurezza cooperativa», che riguardava il partenariato con Stati e organizzazioni esterni all’Alleanza.

Molte crisi internazionali si sono susseguite da allora, spesso in teatri geopolitici prossimi al nostro Paese, mettendo seriamente alla prova l’implementazione di quelle linee guida.

bf09e56d-6d8d-43b0-add9-c50735c40415 (002)

Le primavere arabe e l’intervento in Libia; la guerra civile siriana e i molti attacchi terroristici che hanno flagellato l’Europa; il conflitto in Ucraina e l’emergere della minaccia cibernetica quale forme di guerra ibrida.

Perché la difesa dell’Occidente ha mancato di coordinazione e dove quelle linee guida meritano oggi di essere approfondite, aggiornate e in qualche caso corrette?

La risposta sta nella crisi di legittimità che ha investito le istituzioni dell’Occidente. Proprio come sui temi dell’economia e della critica ai «poteri forti» sovranazionali, anche nella politica estera e di difesa i singoli Paesi hanno ripreso ad affermare a gran voce i propri interessi, spesso però agendo più di testa propria che concertando azioni comuni.

La mancanza di un piano per la Libia da parte dell’Amministrazione Obama, insieme a un eccesso di protagonismo francese, sono tra gli esempi che maggiormente hanno penalizzato il nostro Paese.

AW101 MMI

Il problema è che un’alleanza internazionale funziona bene se rappresenta la somma proporzionata degli interessi dei singoli membri, non se alcuni di essi demandano all’organizzazione la quasi totalità delle decisioni, con il risultato inevitabile di privilegiare i Paesi più assertivi.

Affinché l’Italia sia protagonista attiva delle scelte che contano nei settori esteri e difesa, si impone un cambio di rotta che riguarda non solo la definizione tecnica degli obiettivi, ma prima di tutto la visione politica che ne è a monte. Riportare al centro della politica estera e di difesa l’interesse nazionale dell’Italia non implica affatto un disimpegno verso l’Alleanza Atlantica, ma al contrario prelude ad un suo rafforzamento.

Prima di essere un patto militare, la NATO è appunto un’alleanza politica che nei suoi testi fondativi richiama i comuni valori dell’Occidente, quei valori di cui la sovranità nazionale è parte integrante. Ma è un valore denigrato da tutti coloro che da noi considerano demagogia populista il principio «prima gli Italiani».

Bersaglieri in esercitazione

E le prime vittime di questo clima sono spesso proprio i nostri militari – dai soldati in prima linea agli ufficiali generali – che malgrado l’estrema professionalità dimostrata in tutti i teatri operativi non si vedono sostenuti quanto meritano nei consessi politici internazionali e multilaterali.

Qualche mese fa, commentando su Analisi Difesa la mancata nomina del Capo di Stato Maggiore della Difesa Claudio Graziano al vertice del NATO Military Committee, il generale in Ausiliaria Giorgio Battisti lamentava giustamente «la scarsa pianificazione e lungimiranza» nella tutela degli interessi della Nazione, che così ha perso l’occasione di avere un maggior peso nelle scelte strategiche dell’Alleanza Atlantica.

E non c’è da stupirsi: chi denigra il principio «prima gli Italiani» difficilmente può promuovere il punto di vista del nostro Paese in un contesto cruciale per la nostra difesa quale l’Alleanza Atlantica.

L’agenda di chi mette al primo posto la sovranità e gli interessi italiani è invece in linea con un sentire diffuso negli ambienti militari, sia nazionali che alleati, e consentirà di lavorare con profitto su questioni chiave per la nostra sicurezza.

c1301r

Un caso su tutti: mentre i buonisti nostrani continuano a negare sino all’evidenza il legame tra l’immigrazione incontrollata e la minaccia terroristica, tra i vertici militari dell’Alleanza il problema è ben presente.

Nel marzo 2016, ad esempio, è toccato al generale USA Philip Breedlove, già comandante supremo della NATO in Europa, dichiarare pubblicamente che l’ISIS si stava diffondendo «come un cancro» in mezzo alle ondate di rifugiati, provocando non poche polemiche.

E tuttavia gli attentati dell’anno successivo a Londra e Amburgo organizzati o realizzati da rifugiati e richiedenti asilo hanno tristemente confermato la sua diagnosi.

In Italia, gli ultimi governi hanno colpevolmente trascurato la partecipazione del nostro Paese alle decisioni dell’Alleanza Atlantica, pur essendo noi i più esposti a questa minaccia. E in un momento in cui il burden sharing (la condivisione delle spese militari) è tra le priorità che vengono richieste in particolare dagli Stati Uniti, chi parla oggi di «riqualificazione verde» di caserme dismesse o di riduzione degli investimenti nelle «armi offensive» (sic!), dimostra di non avere la più pallida idea né della valenza economica e strategica dell’industria nazionale della difesa, né di come gestire il rapporto transatlantico.

_FIL8665 (2)

Tra i compiti che il prossimo governo sarà chiamato a implementare c’è invece appunto quello di promuovere gli interessi italiani in sede NATO, lavorando anche con l’obiettivo di ripensare e aggiornare il Concetto Strategico. In particolare, di grande importanza è orientare le due mission, «gestione delle crisi» e «sicurezza cooperativa», all’interno dell’area di interesse privilegiato dell’Italia: il Mediterraneo.

La lotta al terrorismo e all’immigrazione illegale – da attuarsi attraverso cooperazione con i Paesi del Medio Oriente più impegnati contro l’islamismo radicale, politiche di sorveglianza delle frontiere esterne e respingimenti assistiti – sono tutti ambiti dove l’Italia ha da giocare un ruolo in prima linea.

Su questi temi, nel quadro dell’Alleanza i nostri interlocutori primari sono l’Amministrazione USA guidata da Trump e i Paesi del gruppo di Visegrad, che condividono un medesimo approccio critico sul controllo dei flussi migratori e la prevenzione del jihadismo.

Una proposta concreta attraverso cui collegare l’interesse nazionale alle strutture dell’Alleanza Atlantica è rafforzare il peso dell’Italia all’interno del nuovo «hub di direzione strategica NATO per il Sud» (Nsd-S Hub).

tornado2r

Inaugurata da pochi mesi nella base di Lago Patria (Napoli) e attualmente sotto comando statunitense, tale struttura è sorta proprio per concentrarsi sulle regioni di Medio Oriente, Nordafrica e Sahel.

Per la sua collocazione sul nostro territorio nazionale, essa costituisce un’occasione fondamentale per prevenire e combattere le minacce asimmetriche di concerto con gli Alleati.

Dobbiamo puntare quindi ad aumentare la presenza italiana non solo in termini di personale, ma soprattutto nella pianificazione strategica e nella partecipazione alle decisioni, lavorando affinché l’hub NATO anti-terrorismo sia presto guidato da un alto ufficiale italiano.Gli strumenti tecnici, insomma, non mancano: deve imporsi però la volontà politico-strategica di difendere l’Italia dalle minacce esterne e conferirle il ruolo che le spetta nella comune politica estera dell’Occidente.

Questo cambio di rotta riguarda la mentalità con cui si guarda alla sfera della sicurezza nel suo insieme. Se la difesa personale dei cittadini è sempre legittima, quella dell’interesse nazionale è invece il dovere di chi ambisce a rappresentare l’Italia – anche nella decisiva interlocuzione con i nostri alleati della NATO.